LA RISTORAZIONE POST COVID 19 IN HOTEL

LA RISTORAZIONE POST COVID 19 IN HOTEL

14
5 months agoopen5

La Clientela, soprattutto italiana, non ha mai facilmente fruito della ristorazione albeghiera preferendo spesso i ristoranti limitrofi.
La ristorazione Post Covid può perfino rappresentare una chance.
Anche negli hotel si proporranno i limiti di distanziamento necessari nelle sale di somministrazione. Ma gli Hotel hanno anche l’ opzione del “room service”.
Le cucine rappresenteranno un forte limite e dovranno disporre di spazi ampi per garantire il distanziamento di Cuochi e Operatori. Anche in questo caso valgono le considerazioni dell’idea LA RISTORAZIONE POST COVID 19 AL RISTORANTE a cui si rimanda.
L’Hotel dovrà cucinare con Personale qualificato ma ridotto e garantirsi un volume di domanda che consenta gli economics. Per raggiungere questo obiettivo dovrà poter presentare una offerta di ristorazione ampia e variegata, competitiva anche sotto il profilo qualitativo con quella dei ristoranti esterni.
Disponendo di pietanze e basi di gastronomia di qualità che concentrino la Cucina sulla creatività delle presentazioni, l’Hotel potrà spingere sulla doppia opzione del servizio in sala o in camera, risolvendo il collo di bottiglia delle dimensioni della sala.
L’idea è di sviluppare una APP scaricabile dal Cliente in Hotel e disponibile anche sul sito che offra la possibilità di visualizzare i menù offerti, prenotare all’orario desiderato in camera o in sala e ricevere il servizio in modo impeccabile e sicuro facendolo addebitare sul conto. La prenotazione verrà trasmessa alla Reception, alla cucina o al Bar per l’immediata preparazione o per la programmazione della preparazione e del servizio.
La App sarà gestibile dall’Hotel, graficamente personalizzabile e potrà contenere funzioni che facilitino la gestione del servizio (allarmi per la preparazione dei diversi servizi programmati, gestione delle scorte, riordini automatici al raggiungimento di scorte minime…)
La App potra integrare offerte di servizi diversi (prenotazione della spa, massaggi…) dopo la fase2.

Comments: 5

  1. Alfonso says:

    “L’Hotel dovrà cucinare con Personale qualificato ma ridotto e garantirsi un volume di domanda che consenta gli economics. Per raggiungere questo obiettivo dovrà poter presentare una offerta di ristorazione ampia e variegata, competitiva anche sotto il profilo qualitativo con quella dei ristoranti esterni.” Offerta variegata e ampia/elevato standard qualitativo: è un ossimoro. Se poi ci metti pure il personale ridotto, fai prima a stare chiuso.

  2. giacomo says:

    Offerta variegata e alta qualità sono sempre stati il minimo sindacale per soddisfare una Clientela che, in tema di ristorazione, non aveva che l’imbarazzo della scelta. No c’entrava il Covid. Quanti delivery entrano ogni giorno negli hotel? Oggi però c’è (purtroppo) anche il Covid e varietà e qualità si dovranno raggiungere con i nuovi limiti. Si può fare e, forse, sarà anche una nuova chance per gli hotel che avranno una Clientela meno propensa ad uscire la sera. Chi saprà coglierla chi non si sforzerà di cogliere il cambiamento resterà chiuso. Ma sarà davvero un peccato.

  3. giacomo says:

    Offerta variegata e alta qualità sono sempre stati il minimo sindacale per soddisfare una Clientela che, in tema di ristorazione, non aveva che l’imbarazzo della scelta. No c’entrava il Covid. Quanti delivery entrano ogni giorno negli hotel? Oggi però c’è (purtroppo) anche il Covid e varietà e qualità si dovranno raggiungere con i nuovi limiti. Si può fare e, forse, sarà anche una nuova chance per gli hotel che avranno una Clientela meno propensa ad uscire la sera. Chi saprà coglierla chi non si sforzerà di cogliere il cambiamento resterà chiuso. Ma sarà davvero un peccato.

    • Alfonso says:

      “Offerta variegata e alta qualità sono sempre stati il minimo sindacale per soddisfare una Clientela che, in tema di ristorazione, non aveva che l’imbarazzo della scelta. ”

      Guarda il numero di pietanze nei menu degli stellati poi guarda quanta gente hanno in cucina, infine guarda il prezzo.

      La prima regola della ristorazione di qualità è poco ma fatto ottimamente, e per questo hai bisogno di personale qualificato e conseguentemente hai prezzo elevato.

      Va bene l’ottimismo ma bisogna essere realisti

  4. Giulio says:

    Ma perché non pensare al pranzo in camera anche per ospiti che occupano la camera solo per il tempo della cena?
    In pratica è come se fossero tante salette private a disposizione di chi vuole cenare in tranquillità, in parte ammortizzando i costi di una struttura a disposizione e che non sarà occupata al 100% dalla solita clientela degli hotel

Add your comment