Pane (&) Quotidiano

Pane (&) Quotidiano

8

Nell’attesa che i bar e i ristoranti possano riaprire ( o per quelli con un’area troppo ridotta per permettere una riapertura “sicura” in Fase 2/ a breve), le edicole potrebbero fungere da “punto di acquisto” per i pasti pre-preparati (su ordinazione) dai punti ristoro ubicati in zona, sulla base di un partnership tra i due esercenti.
In tale maniera, ogni persona potrà fare un’ordinazione presso il proprio ristorante/bar di quartiere preferito (secondo un prezzario prefissato e pubblicato sul proprio sito internet o canale social) e ritirare la propria ordinazione (all’ora accordata) presso l’edicola più vicina, che colletterà le somme e potrà versarle giorno per giorno (o con altra frequenza decisa dagli esercenti) al ristorante/bar “partner”.
(ovviamente i cibi dovranno essere confezionati in ottemperanza con normativa igienico-sanitaria pro-prevenzione COVID)

Comments: 1

  1. Alfonso says:

    Ma io credo che il problema non è tanto distribuire i pasti quanto proprio riaprire i ristoranti. Inoltre, non so se sia possibile, in base alle norme vigenti, che un’attività che commercia beni non alimentari possa distribuirli, mancando dei requisiti tipici delle attività che commerciano il food (a partire dai frigoriferi, indispensabili per mantenere i pasti in attesa della consegna).

Add your comment