Trasformare i tassisti in personal shopper

Trasformare i tassisti in personal shopper

14

I dati della Cina ci mostrano come anche dopo la fine della fase 1 del Corona Virus il numero delle corse sui taxi si sia ridotto del 30% circa. Vi é quindi capacità inutilizzata. I negozi di prossimità si sono organizzati con ordinazioni telefoniche/whatsapp, ma spesso non hanno sufficiente capacità logistica per consegnare la spesa a casa. I tassisti potrebbero ovviare a questo deficit con corse brevi e remunerative. Il servizio sarebbe offerto solo a clienti pre-registrati sulle più diffuse App di servizi taxi. I tassisti prenderebbero un codice dal cliente identificativo della spesa, con questo codice andrebbero a ritirare la spesa dal negoziante/i. Il pagamento sarebbe effettuato dai tassisti con una carta di debito che addebita il conto centrale dell’App di servizi taxi; contestualmente l’app dei servizi taxi addebita il conto del cliente finale per lo stesso importo più l’importo del servizio che a quel punto sarebbe standard e proporzionale alla distanza percorsa (una tecnologia di tariffazione simile a Uber). Il costo del servizio sarebbe conosciuto in anticipo dal cliente finale e abbastanza stabile nel tempo.

Comments: 4

  1. Bettina says:

    Ottima idea, gestibile in modo flessibile e scalabile e senza ulteriori costi, la trovo in linea con i principi di economia circolare

  2. Bettina says:

    Non riesco a votare l’idea, nonostante sia loggata. Ci sono dei vincoli o dei problemi tecnici?.

    • wp_10559950 says:

      Dato l’alto volume di traffico sul sito, in alcuni casi come il tuo sembra non si riesca a votare. Al 99% il tuo voto è andato a buon fine. Se ricarichi la pagina, vedi il tuo voto? Grazie

  3. Alessandro says:

    Mettere un divisorio in plexiglass tra l’autista e gli altri 3 sedili in modo da garantire la salute del taxi sta e anche dei passeggeri. Pagamenti con carta di credito contactless e basta.

Add your comment